APPROFONDIMENTI
Raffaele Verzillo

RAFFAELE VERZILLO

SECONDO ANNO:
L’ATTORE E
LA RIPRESA CINEMATOGRAFICA

#fancy-title-5a601bc743740 a{ color: #393836; }
DOCENTE: RAFFAELE VERZILLO

Il percorso

#fancy-title-5a601bc743ddb a{ color: #393836; }
Il corso si pone come obiettivo quello di consegnare all’allievo gli strumenti utili per affrontare, con consapevolezza, la recitazione in ambito audiovisivo, cioè con la presenza, in scena, di “terzi incomodi” come la “MdP” (macchina da presa) e i tecnici preposti al suo funzionamento. Si propone inoltre di fornire allo studente le nozioni fondamentali per poter affrontare al meglio la costruzione e la gestione di un personaggio cinematografico attraverso la conoscenza del linguaggio del cinema, le sue tecniche e l’ “ambiente” in cui la recitazione dovrà essere espressa. Dal provino al “ciak” della scena, lo studente, recitando davanti alla telecamera, apprenderà come approcciare, modificare e adattare la sua tecnica di recitazione ai diversi campi di ripresa.

Il programma

#fancy-title-5a601bc7442b6 a{ color: #393836; }
Il corso si è organizzato attraverso 8 moduli da 2 oreciascuno. Dal secondo modulo in poi è prevista l’interazione con la macchina da presa.
  • MODULO 1: Introduzione. Cenni di storia del cinema e di linguaggio cinematografico. Organizzazione dei “gruppi di lavoro”. La Macchina da presa ( MdP)
  • MODULO 2: L’ attore e il provino cinematografico. Approccio al copione e alle dinamiche del film. Presentazione delle 3 scene da sviluppare e start up per la scrittura di una scena da parte dei “gruppi di lavoro”
  • MODULO 3: La scelta della scena. Impostazione della sequenza (CL – CM – PP – PPP). L’ approccio del protagonista, del comprimario e dell’antagonista
  • MODULO 4: Le variazioni sulla scena. Integrazioni e sviluppo secondo il linguaggio cinematografico. La recitazione di “quinta” e l’“asse di ripresa”
  • MODULO 5: Esperimento di “inversione dei personaggi” (il protagonista diventa antagonista – Recitare una parte femminile e viceversa)
  • MODULO 6 e 7: Il “Come se fosse”: provino, scelta da parte del regista e shooting di una seconda scena
  • MODULO 8: Definizione di approccio creativo. I “gruppi di lavoro” presentano la scena lanciata in modulo 2 e la girano mettendosi al posto del regista
#list-style-5a601bc744770 ul li:before { font-family:"FontAwesome"; content: "\f00c"; color: }