Presente!2019

direzione artistica Kira Ialongo e Domenico Casamassima
consulenza artistica Valentino Villa
con accompagnamento critico di Teatro e Critica

#fancy-title-5c416fe8592ba a{ color: #393836; }

COMPAGNIA BIANCOFANGO

#fancy-title-5c416fe859580 a{ color: #393836; }

RICORDI DEL SOTTOSUOLO

#fancy-title-5c416fe85982b span.rounded{border-radius:3px;} #fancy-title-5c416fe85982b span.full_rounded{border-radius:50px;} #fancy-title-5c416fe85982b a{ color: #393836; }

22 | 23 | 24 FEBBRAIO 2019 | ore 10-19

#fancy-title-5c416fe859ac7 a{ color: #393836; }

DOMENICA 24 h 18.30 | APERTURA AL PUBBLICO

#fancy-title-5c416fe859d5e a{ color: #77746f; }
Seminario sulla drammaturgia dell’attore attraverso l’esplorazione, l’analisi e la rielaborazione di uno fra i Ricordi del sottosuolo di Dostoevskij
L’obiettivo di questo laboratorio è stimolare la conoscenza della drammaturgia attoriale. Alla base del lavoro di Biancofango c’è, da sempre, la convinzione che l’attore debba possedere un bagaglio di strumenti che gli consentano di raggiungere una personale autonomia nel processo creativo, non solo per quanto riguarda la costruzione di un ruolo e\o la trasmissione di un testo,  ma sopratutto per divenire lui stesso un compositore del proprio fatto scenico, nella piena consapevolezza del rigore richiesto dalla libertà. Da qui, dunque, il nostro desiderio di condividere un’avventura su un terreno scomodo, insidioso, ma geniale, come quello dei Ricordi del sottosuolo di Dostoevskij. Un testo non scritto appositamente per la scena, ma ideale per potervi rintracciare la potenziale teatralità in grado di trasformare la scrittura letteraria in scrittura scenica. Nel viaggio che compiremo intorno alle pagine di Dostoevskij toccheremo con mani e piedi la bellezza – oltre che la necessità – di possedere un linguaggio autonomo. Massima importanza sarà data all’utilizzo del proprio corpo come principale strumento espressivo capace di relazionarsi con la parola, ma anche di farsi carico della sua assenza e/o della sua traduzione poetica. Dopo un’approfondita analisi del testo di partenza, attraverso cui raccogliere una serie di stimoli, lavoreremo su studi e improvvisazioni guidate finalizzate alla raccolta di materiale attoriale in grado di tradurre scenicamente la pagina scritta. Evidenzieremo il sottile equilibrio fra parola e azione fisica – per noi su uno stesso livello d’importanza – fino a cadere in un pensiero sulla danza. Pensiero che ci è sempre molto caro e che noi rivolgiamo alla figura attoriale. Con un simile lavoro l’attore potrà fare diretta esperienza di come servendosi della sua sola, ma consapevole presenza scenica, possa essere in grado di scrivere lui stesso sulla scena, costruendo attraverso il suo corpo e la sua voce una vera e propria drammaturgia.  
Si richiede un abbigliamento comodo che non crei ostacoli al lavoro fisico (compreso un paio di scarpe da ginnastica con la suola morbida). Ai partecipanti selezionati sarà richiesta una lettura attenta del testo di riferimento e la memoria di un frammento a scelta tratto dal testo stesso. Nonostante i ruoli desumibili dal testo siano quasi interamente maschili la compagnia tiene a precisare che il sesso de canditati non ha alcuna importanza. Sono pertanto bene accette tutte le canditature. Ai canditati si richiede di inviare CV, una foto a scelta e una breve lettera di presentazione che contenga le motivazioni che spingono a fare il laboratorio. Il laboratorio è aperto a max 12 partecipanti

INFO E PRENOTAZIONI
3774860915 | seminari@teatroazione.org

SEGUICI SU FACEBOOK
www.facebook.com/rassegnapresente

#fancy-title-5c416fe863f67 a{ color: #393836; }

Date e orari
ven-dom 10-19| dom 24 ore 18.30 apertura

Teatro Azione | Scuola di recitazione
via dei Magazzini Generali 34

#fancy-title-5c416fe864637 a{ color: #bbbbbb; }